Il Credito d’Imposta: nuove risorse finanziarie per l’impresa

Le spese per le attività di ricerca e sviluppo sostenute dagli imprenditori possono beneficiare di un credito d’imposta, reperibile all’interno del patrimonio aziendale creando una valida alternativa al ricorso alle banche.

Il grande vantaggio del credito d’imposta è rappresentato da due fattori:

  • tutte le imprese, che abbiano investito in attività di ricerca e sviluppo, indipendentemente dalla loro forma giuridica, dalle dimensioni e dal regime contabile ne possono usufruire,
  • inoltre è possibile ricomprendere nel termine ricerca tutto ciò che costituisce un’innovazione delle conoscenze necessarie all’attività industriale, non esistendo nell’ordinamento una definizione univoca di ricerca.

Un ulteriore beneficio del credito d’imposta è rappresentato dal fatto che non costituendo un reddito tassabile, risulta esente dalle tasse sul reddito.

La nostra consulenza consiste, inizialmente, in un’analisi gratuita della documentazione, a cui segue il supporto nell’espletamento della procedura interna richiesta dal legislatore, per giungere infine all’assistenza nel calcolo del beneficio fiscale.

 

Ma entriamo in qualche dettaglio della normativa.

 

Il credito d’imposta è riferibile al periodo d’imposta successivo a quello in cui i costi sono imputabili e comprende tutti i pagamenti tributari dell’azienda.

Esistono tuttavia dei parametri a cui è plausibile riferire la fattispecie di ricerca, essi sono:

  • l’esistenza di un progetto di ricerca finanziato da istituzioni pubbliche;
  • la richiesta e/o l’ottenimento di privative industriali;
  • la dimostrazione di un know how aziendale tutelato;
  • la produzione di risultati originali e innovativi della ricerca;
  • l’appartenenza ad una categoria di imprese votate per definizione allo svolgimento di attività di ricerca.

Il credito d’imposta è determinato in base ad elementi di spesa dell’attività, tra cui si annoverano il costo del personale, la quota annuale degli ammortamenti in immobilizzazioni materiali, la ricerca commissionata a società di consulenza, enti di ricerca, università, imprese specializzate e le spese sostenute per competenze tecniche.

Per gli investimenti in ricerca e sviluppo, il credito d’imposta è calcolato in modo incrementale rispetto alla spesa media del 2012/2014. Dopo aver determinato il periodo storico, si calcola la spesa per gli investimenti del periodo d’imposta e l’eventuale incremento; in relazione ad esso e sulla base dei diversi tipi di investimento, si calcola una percentuale (dal 25% al 50% per il 2015/2016 e al 50% dal 2017 in poi).

Il credito d’imposta, introdotto nell’ordinamento con l’art. 3 del D. L. 23.12.2013, è proporzionato agli investimenti effettuati ed è in tal modo suddiviso: fino a 5.000.000 euro per il 2015/2016 e per il 2017 fino a 20.000.000 euro.

Il legislatore stabilisce che per ottenere il credito d’imposta è necessario l’espletamento di una procedura in base della quale: l’impresa deve presentare la relazione certificata di un professionista in cui è identificato il credito d’imposta e, solo dopo questo passaggio è possibile realizzare la compensazione con le modalità ordinarie di pagamento dei tributi. E’ altresì richiesta la presentazione della relazione certificata al bilancio d’esercizio e la conservazione all’interno della contabilità della documentazione relativa al credito d’imposta.

Per una nostra consulenza consistente in un’analisi gratuita della documentazione contattaci al numero 0240044165 oppure invia il modulo sottostante

Related Posts

I nostri servizi

Ricerca investitori e mezzi finanziari adatti alla tua PMI …

I nostri Temporary Managers hanno le competenze e gli strumenti per offrire un ulteriore importante vantaggio competitivo, quali Direttori finanziari in outsourcing, e cioè quello […]

I nostri servizi

Temporary Management

Le aziende di grandi dimensioni, quelle che esportano, hanno sempre al proprio interno la figura del CFO (Chief Financial Officer), il Direttore Finanziario. Questa figura, se […]

I nostri servizi

Nuovo Credito per le PMI: credito d’imposta per la ricerca e sviluppo

Una delle attività che svolgiamo più volentieri a favore delle nostre aziende clienti, nella veste di “direttori finanziari in outsourcing“, è quella di reperire mezzi […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *